05 Confronto DESKPer contrastare il riscaldamento globale non c’è più un minuto da perdere: bisogna ridurre drasticamente le emissioni di Co2 e le direttive europee hanno fissato tappe inderogabili per ogni Paese membro. Diminuire i consumi di energia elettrica è un imperativo. Per questo la maggior parte dei Paesi dell’Unione, sotto varie forme, aiuta i cittadini che si attivano per eliminare la dispersione di calore nelle loro case o installano apparecchi meno energivori. Anche lo Stato italiano finanzia chi decide di fare interventi radicali come i cappotti termici, la sostituzione degli infissi o delle vecchie caldaie, l’installazione di pompe di calore ovvero di un condizionatore d’aria che può anche riscaldare d’inverno. Le nuove caldaie a condensazione fanno risparmiare fino al 30% di energia rispetto a quelle tradizionali, riciclando il calore dei loro stessi fumi. Ma come funziona questo incentivo e come si ottiene? .......  Nell’ultimo anno le vendite si sono impennate: siamo passati dalle 16 mila pompe di calore e 62 mila caldaie vendute nel 2018, ai quasi 70.000 condizionatori e 171.000 caldaie del 2020. Con previsione di superare le 206.000 nel 2021. E i dati non includono i tanti apparecchi acquistati con il «superbonus del 110%». Cosa è successo? Nel maggio 2020 (Decreto Legge 34) è arrivato il «credito d’imposta»: il venditore ti può scontare dal 50 al 65% del costo direttamente in fattura al momento dell’acquisto e ci penserà lui poi a riscuotere la differenza dallo Stato nel giro di un anno. L’effetto del decreto, oltre a produrre benefici per l’ambiente, ha rivitalizzato settori trainanti dell’economia come le costruzioni, l’impiantistica e l’idraulica. Gli affari vanno così bene che si fatica a trovare un tecnico installatore libero. Secondo il Cresme, ad aprile chi ha effettuato interventi di riqualificazione energetica ha accumulato oltre il 60% in più di credito di imposta rispetto a un anno fa, quando la cessione diretta del credito non era operativa. Nell’affare si sono buttate le multiutility. I colossi di gas ed energia propongono i prodotti porta a porta, chiavi in mano, e li fanno pagare in piccole, comode rate nelle bollette. Ma i loro preventivi, se si vanno a leggere con attenzione, e si confrontano con i prezzi praticati nei negozi, sono incredibilmente pesanti. Vediamo qualche esempio.

.................

Un buco da 470 milioni

Ma chi deve indagare? Lo Stato delega all’Enea la gestione della pratiche per valutare il risparmio energetico ottenuto dalla sostituzione delle apparecchiature. È previsto che vengano rilevate le anomalie, da comunicare al Mite e all’Agenzia delle Entrate. Ma è l’Agenzia delle Entrate che deve fare le verifiche prima di erogare i rimborsi. Fino ad oggi nessuno ha controllato se un condizionatore o una caldaia vengono fatti pagare il doppio o il triplo del prezzo di mercato. Facciamo due conti: il Mef per queste due apparecchiature ha messo a bilancio 500 milioni l’anno di incentivi. Se il ricarico è stato applicato su tutte le 171.000 caldaie e 80.000 condizionatori installati nel 2020, fanno circa 470 milioni di euro in più. E in cassa non ci saranno.

dall'articolo di  Marco Bonarrigo e Milena Gabanelli    per Corriere.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna